La casa vuota

La casa vuota

Quando avevo 11 anni mi successe d’innamorarmi di una donna che non avevo mai visto, e che non vidi mai nemmeno dopo, in tutta la mia vita.
Fu un amore impalpabile, leggero come i sogni, ma così intenso che ancora adesso ne riesco a sentire il profumo.

La prima volta che sentii pronunciare il suo nome fu a casa di mia nonna, in un paesino delle campagne veronesi e nel quale ero andato a trascorrere un paio di settimane di vacanze insieme a mia madre.

“Giulia”, così si chiamava, abitava in fondo alla via, in una grande Casa Rosa circondata da un bellissimo giardino. Di lei dicevano che era una ragazza molto bella, che si era sposata troppo giovane, e che appena dopo 2 mesi dal matrimonio il marito l’aveva abbandonata per un’altra.
Dicevano, che da allora non era più uscita di casa, che si era ammalata.
Si! Lo ricordo ancora perfettamente….. Dicevano che si era ammalata di tristezza.

Da quel giorno mi ritrovai spesso a guardare verso quella casa……

La pensavo tutte le sere…… La immaginavo chiusa in quelle stanze diventate una triste prigione, incapace  di vivere, piangere, disperarsi….

E immaginandolo… piano piano……mi ritrovai innamorato di quel dolore.

Biografia

Siciliano d’origine. Nasce a Gela l’01/04/1962,  ma dal 1984 risiede a Montichiari (BS).
Scatta fotografie da oltre 30 anni.

Si racconta così:

“Ricordo ancora quando scattai la mia prima foto con una reflex Cosina CT1, prestatami da un collega di lavoro, a Roma, dalla finestra del nostro ufficio. Una foto molto banale, ma per me importantissima. Il punto cardine di una grande passione che da allora non mi ha mai abbandonato. Possiedo ancora quello scatto e gli sono legato.

Tuttavia è solo da pochi anni che ho iniziato a studiare e sviluppare le “mie foto.  L’ incontro con la fotografia digitale è stato per me l’anno zero. Poter avere il controllo totale sui miei scatti in post produzione, mi ha aperto le porte ad un mondo nuovo e meraviglioso….. Era quello che io stavo aspettando.

La fotografia per me è esteriorizzazione di immagini interiori. Non ho la pretesa, né l’intenzione, né tantomeno la voglia di documentare la realtà.

La realtà amo interpretarla, o meglio, mi piace dare “la mia versione dei fatti”, cercando di esprimerlo artisticamente, e sperando di riuscirci.

Concorsi Fotografici e Riconoscimenti:

— 1° Premio al Concorso Nazionale riconosciuto FIAF “48° TRUCIOLO D’ORO” di Cascina (PI) sez I.P. B&N

— 2° Premio al 41° Concorso “Premio Città di Brescia” di fotografia artistica.

— 1° Premio “Miglior Scatto Imago Bella Epoque “ edizione 2016 di Sirmione.

— 3° Premio al 44° Concorso “Premio Città di Brescia” di fotografia artistica.

— Foto Segnalata al Concorso “S. Faustino” edizione 2018 di Brescia

— 1° Premio Vincitore Assoluto 2019 contest di “Art’è  Fotografia” e 1° Premio sezione “Ritratto”

— HONORABLE MENTION – PORTRAIT a Orvieto Fotografia 2019

–“BRONZE” to “Budapest International Photo Award 2019”

— “BRONZE” to “Moscow International Photo Award 2020”

— 1° Premio al Concorso Nazionale riconosciuto FIAF “52° TRUCIOLO D’ORO” di Cascina (PI) sez I.P. B&N

Mostre:

  —     2016: “Silenzi Inquieti” presso la “Art Gallery Real Cornice” di Montichiari  (personale)

  —     2017: “Ballet” presso il “Museo della Fotografia” di Brescia. (personale)

—      2017:  4^ Edizione “Montichiari Arte Contemporanea” (collettiva)

—-     2017   Mostra di ARTimmagine ass. fot. presso Museo Lechi di Montichiari

—-     2018:  5^ Edizione “Montichiari Arte Contemporanea” (collettiva)

—-     2018  Mostra di ARTimmagine ass. fot. presso Museo Lechi di Montichiari

—-     2019:  “Impermanence” inserita nel  “Circuito Off” di Lucca (personale)

—-     2019:  “L’insostenibile leggerezza del quotidiano” con ART immagine associazione fotografica  (collettiva)

 Ha partecipato inoltre a varie mostre collettive.

Chiama
Mappa